Crazy for football – Francesco Trento, Volfango De Biasi

14.90

Disponibilità: Disponibile

Puoi pagare anche con Carta del Docente e 18app.
Questa modalità di pagamento è valida solo per l'acquisto di libri cartacei.

Ispirato al film prodotto da Skydancers e Rai Cinema, vincitore del David di Donatello come Miglior Documentario 2017 e Menzione speciale ai Nastri d’Argento. Davanti a noi, ora, non ci sono più due schizofrenici, uno psicotico, tre depressi, un ansioso eccetera. C’è un gruppo di giocatori, di amici, che si prepara a un Mondiale. Sono finiti, trascorsi, i mucchi di giorni incolori, le settimane scomparse, sacrificate al nulla. Al loro posto, adesso, c’è questa corsa di gruppo da un lato all’altro del campo, c’è il dribbling tra i conetti, il tiro in porta, la finta venuta male, il tiro sparato alle stelle, la risata. C’è smettere di avere la propria età per qualche giorno, tornare all’età calcio, a quell’adolescenza di ritorno che cancella ogni dato anagrafico e rende tutti bambini.

Mentre tra invasioni di campo, scontri tra ultras e polemiche il resto del mondo è ammalato di calcio, da qualche parte c’è anche chi di calcio guarisce. Succede a Osaka, in Giappone, nel primo Mondiale per persone con problemi di salute mentale.
Con ritmo e ironia, De Biasi e Trento raccontano la rocambolesca formazione della Nazionale italiana, tra i provini, gli allenamenti con un pugile campione del mondo, le mille difficoltà e il nascere di un’amicizia che sancisce, per i componenti della squadra, la fine della solitudine. Un’avventura follemente bella, abitata da personaggi così perfetti da sembrare inventati.
Come Sandrone, il super poliziotto che scortava il presidente della Repubblica finché non ha iniziato a sentire le voci, e si è dovuto dimettere.
Come Luís, il portiere che (forse) ha giocato in serie B.
Come Stefano, che mentre racconta i suoi tentativi di suicidio alza la testa, guarda i suoi compagni vestiti con le tute degli Azzurri e sospira, incredulo: «Che mi sarei perso».
Personaggi indimenticabili, che vi faranno innamorare, ridere, commuovere. E cambieranno per sempre la vostra idea di cosa vuol dire essere «pazzi».

INFORMAZIONI
  • Pagine 272
  • ISBN: 978-8830448988
L'autore

Volfango De Biasi

Dopo aver studiato recitazione fra Parigi e Los Angeles, Volfango De Biasi inizia la propria carriera nel mondo del cinema dirigendo un segmento del film a episodi “Esercizi di stile” del 1996, intitolato “Senza uscita”. Dopo aver diretto alcuni cortometraggi, video musicali e documentari tra cui “Matti per il calcio” nel 2006, nel 2007 dirige il film con Nicolas Vaporidis e Cristiana Capotondi, “Come tu mi vuoi”. Nel 2008 scrive e dirige il documentario “Solo amore”.Nel 2009, dirige nuovamente Nicolas Vaporidis insieme a Laura Chiatti nel film “Iago”. Nel 2010 è sceneggiatore del pluripremiato “Venti sigarette”. Nel 2012 è sceneggiatore del campione di incassi “Colpi di fulmine” di Neri Parenti, vincitore del Biglietto d’oro. Nel 2013 è sceneggiatore del campione di incassi “Colpi di fortuna” sempre di Neri Parenti, nuovamente vincitore del Biglietto d’oro. Nel 2014 scrive e dirige il film natalizio “Un Natale stupefacente”con Lillo & Greg e Ambra Angiolini.Nel 2015 scrive e dirige “Natale col boss” con Lillo & Greg, Paolo Ruffini, Francesco Mandelli e Peppino di Capri. Nel 2016 scrive e dirige “Natale a Londra -Dio salvi la regina” con Lillo & Greg, Nino Frassica e PaoloRuffini. Sempre nel 2016 presenta alla Festa del Cinema di Roma “Crazy for Football” e con lo stesso vince il David di Donatello e la Menzione Speciale ai Nastri d’Argento per il Miglior Documentario 2017. In seguito nel 2018 partecipa all’organizzazione del secondo mondiale per persone con problemi di salute mentale “Dream World Cup 2018” a Roma. Nel 2018 gira “Nessuno come noi”, con Alessandro Preziosi e Sarah Felberbaum, e “L’Agenzia dei Bugiardi” con Giampaolo Morelli e Massimo Ghini, entrambi distribuiti da Medusa Film. Il primo nelle sale cinematografiche dal 18 ottobre 2018 e il secondo da gennaio 2019. Ha insegnato sceneggiatura presso l’Università La Sapienza di Roma e l’Istituto Europeo di Design.

L'autore

Francesco Trento

Francesco Trento, scrittore e sceneggiatore, ha pubblicato La guerra non era finita (Laterza, 2014) e, con Aureliano Amadei, Venti sigarette a Nassirya (Einaudi, 2005), di cui ha scritto anche la sceneggiatura per il cinema (20 sigarette, miglior film al Festival di Venezia 2010, sezione «Controcampo»). È autore di molti documentari, tra cui Matti per il calcio, Stessa spiaggia, stesso mare, Crazy for football e la docufiction Brothers in Army. Con Franco Fracassi ha scritto e diretto Zero, inchiesta sull’11 settembre. Dal 2005 gioca nella Nazionale italiana scrittori, Osvaldo Soriano Football Club, di cui è oggi anche allenatore.

Autorə

,

Casa Editrice

Argomento

Ti potrebbe interessare…

TlonTV 500x250

TLON TV

Dove trovi tutti i videocorsi
di Tlon!

TLONLETTER

Ricevi tutte le novità, le idee
e le promozioni di Edizioni Tlon!

Carrello
Torna in alto